mm studio

Un cappellino maxi per Milano: la guerrilla marketing di Innocent scalda la città

Abbiamo creato una brillante campagna di guerrilla marketing per il brand di bevande Innocent che ha riscosso moltissimo successo, conquistando l’attenzione dei milanesi.

L’iniziativa, parte della più ampia campagna “Tanto di Cappellino”, ha visto la creazione di cappellini di lana in versione maxi per vestire i panettoni stradali nella zona ad alta visibilità di Porta Genova – Navigli.

Questo approccio creativo ha attirato l’interesse sia del pubblico che dei media, trasformandosi rapidamente in una case history di successo.

Un cappellino per ogni panettone della città: il cuore della campagna

La campagna “Tanto di Cappellino” di Innocent, nota per i suoi iconici cappellini di lana che adornano le bottiglie di smoothie durante l’inverno, ha raggiunto nuove vette con questa attività di guerrilla marketing.

I cappellini maxi, replicati fedelmente in ogni dettaglio, hanno aggiunto un tocco di calore e originalità ai panettoni stradali, elementi tipici dell’arredo urbano milanese.

L’effetto visivo era straordinario: una serie di enormi cappellini colorati che spuntavano nei punti nevralgici di Porta Genova – Navigli, attirando immediatamente l’attenzione dei passanti.

Media relations e digital PR: un racconto di successo

L’operazione non si è fermata alla semplice installazione dei cappellini. Un’efficace attività di media relations e digital PR ha permesso di documentare e raccontare l’intera iniziativa su diverse piattaforme e profili social, nonché su testate online e offline nazionali.

Foto e video dei panettoni vestiti a festa hanno rapidamente fatto il giro del web, generando un flusso continuo di condivisioni e commenti positivi.

L’entusiasmo del pubblico ha trovato eco nei media, che hanno coperto ampiamente la storia, contribuendo a rafforzare l’immagine di Innocent come brand innovativo e attento alla comunità.

Il valore del guerrilla marketing

La scelta di utilizzare una tecnica di guerrilla marketing si è rivelata vincente per diverse ragioni. Prima di tutto, ha permesso di creare un forte impatto visivo con un budget relativamente contenuto rispetto alle campagne pubblicitarie tradizionali.

Inoltre, l’elemento sorpresa ha generato un alto livello di coinvolgimento del pubblico, stimolando curiosità e condivisione spontanea sui social media.

Questo tipo di approccio non convenzionale ha dimostrato ancora una volta come il marketing creativo possa fare la differenza in un panorama competitivo come quello attuale.

Reazioni del pubblico e impatto sul brand

Le reazioni del pubblico sono state entusiastiche. I cittadini milanesi e i turisti hanno accolto con sorriso e stupore i cappellini giganti, immortalando la scena con foto e selfie che hanno poi condiviso sui loro profili social.

Questa interazione spontanea ha amplificato ulteriormente la visibilità della campagna, creando un effetto virale.

Molti hanno apprezzato l’iniziativa come un tocco di colore e calore nella quotidianità urbana, contribuendo a migliorare l’umore generale e a rafforzare il senso di comunità.

Conclusioni: una case history di successo

La campagna “Tanto di Cappellino” con i suoi cappellini maxi sui panettoni stradali è diventata rapidamente una case history di successo.

Questa iniziativa ha dimostrato come il guerrilla marketing possa essere uno strumento potente per creare connessioni autentiche con il pubblico e generare una copertura mediatica significativa.

Inoltre, ha evidenziato l’importanza di un approccio integrato che combina creatività, media relations e digital PR per massimizzare l’impatto di una campagna.

Innocent ha saputo sfruttare in modo eccellente le potenzialità del guerrilla marketing, trasformando una semplice idea in un fenomeno virale che ha scaldato gli animi (e i panettoni) dei milanesi, regalando un sorriso e un momento di sorpresa a chiunque sia passato per Porta Genova – Navigli.

Questa campagna rimarrà sicuramente nella memoria come esempio di come la creatività e l’innovazione possano fare la differenza nel mondo del marketing moderno.

Press Office (not your average PR…The contemporary one), Digital PR, Event & special project Management and Talent Management Press Office (not your average PR…The contemporary one), Digital PR, Event & special project Management and Talent Management